$$$ dagli “spammatori”?

Print pagePDF pageEmail page

Solamente qualche riflessione.
Probabilmente la notizia è già stata pubblicata (istituzione del registro per opporsi all’invio di comunicazioni commerciali non desiderate), così come si trova qualche “dritta” in rete (vedi sito del Garante della “privacy”), però qui vorrei brevemente inquadrare questo discorso da un punto di vista giuridico.
Il registro del quale si è appena fatto cenno completa l’inter, molto lungo, secondo il quale nel nostro paese vige il principio del c.d. “opt-in”, ovvero per poter inviare un qualunque tipo di comunicazione a sfondo anche lontanamente commerciale, occorre in qualche modo aver PRIMA acquisito il consenso dell’utente.
Sicuramente questo crea dei problemi all’iniziativa commerciale, tanto è vero che è stato mitigato dal provvedimento che consente di inviare comunicazioni commerciali qualora il soggetto sia già stato in qualche modo “cliente” del Titolare del trattamento.
Però, nella sostanza, cosa occorre fare oltre ad iscriversi nel registro? (Per inciso, la violazione di tale diritto potrebbe addirittura rendere perseguibile anche penalmente lo “spammatore”, poiché il consenso mancherebbe “ab origine”.
A mio modestissimo parere, sarebbe molto molto utile inviare prima di tutto una richiesta di accesso ai propri dati personali, scaricabile dal sito del Garante (e/o, magari, farla modificare da qualche esperto del settore) e quindi, in caso di mancata o parziale risposta,  chiedere i dati non con il ricorso al Garante ma con il ricorso all’Autorità Giudiziaria, così le spese per la controparte lieviteranno…
Poi, in ogni caso poi richiedere il risarcimento del danno, che – ricordo – è liquidabile anche come danno morale.
Va da sé che il tutto potrebbe essere tranquillamente gestito come una “class action”, ovvero con la condivisione delle spese….
Come recita un vecchio detto (per la verità sarebbe in dialetto)…se ti ha morso il serpente poi hai paura anche della lucertola….
Hai visto mai che alla fine gli “spammatori” italiani si diano una regolata?
Share this:
Share this page via Email Share this page via Stumble Upon Share this page via Digg this Share this page via Facebook Share this page via Twitter
Print Friendly
This entry was posted in D.Lgs. n.196/2003. Bookmark the permalink.

Leave a Reply